ACETOSA – ROMICE

disponibilità (fresca, mazzetti, novembre – maggio)
Generalità
(Rumex acetosa) L’acetosa appartiene alla famiglia delle Poligonaceae ed è una pianta molto diffusa nelle nostre campagne nei luoghi erbosi, roccisi e fino a 2500 m di altitudine.
E’ una pianta perenne con un fusto eretto alto fino a 90 cm, rossastro e molto ramificato con foglie grandi ovali e quelle inferiori provviste di un lungo picciolo mentre quelle superiori ne sono prive.
Curiosità
Una particolarità di questa pianta è che è incompatibile con le acqua minerali e i contenitori in rame. E’ chiamata anche Erba brusca o Ossalida.
Proprietà terapeutiche
L’acetosa è ricca di Potassio, Ferro, clorofilla, acido ossalico a cui deve il suo sapore acidulo e vitamina C. L’acetosa ha proprietà antiscorbuto, depurativo, digestivo, diuretico, emmenagogo, lassativo, rinfrescante, stomachico, tonico. Il decotto e l’infuso per l’anemia, come disintossicante, per l’acne e le dermatiti. I cataplasmi delle foglie fresche per le irritazioni della pelle e le punture di insetti. Il pediluvio per decongestionare e favorire la circolazione sanguigna dei piedi..
Uso in cucina
In cucina l’acetosa può essere utilizzate come insalata primaverile depurativa  o come gli spinaci e  come le altre erbette, pulita, lessata e poi condita o ripassata in padella, oppure le foglie cotte possono essere aggiunte alle minestre. Fresche invece, sempre ben pulite, possono essere utili per insaporire delle insalate, o anche utilizzate per farcire delle frittate ad esempio. Inoltre si può ricavare una purea,  cuocendo le foglie e passandole, che poi va utilizzata per accompagnare pollame e pesce. Unica cosa da tenere ben presente è che il sapore dell’acetosa è piuttosto acido, quindi quando la unirete alle vostre preparazioni culinarie donerà questa caratteristica al vostro piatto.

N.B. Le proprietà terapeutiche sono inserite a scopo puramente indicativo,  per ogni uso specifico consultare obbligatoriamente un dottore.