CRESPIGNO COMUNE – SONCHUS OLERACEUS

disponibilità (fresco, novembre – maggio)
Generalità
(Sonchus oleraceus) e (Sonchus asper) Pianta erbacea perenne che cresce spontaneamente in tutto il territorio fino a 2000 mt. slm. E’ una pianta comunissima in tutti i terreni coltivati, poichè predilige il terreno smosso, ma la si trova anche nei terreni incolti. E’ compresa nella grande famiglia delle composite.  Ci sono due specie di crespigno  difficilmente distinguibili tra loro: Sonchus oleraceus (crespigno comune) e Sonchus asper (crespigno spinoso). Entrambe crescono sempre in contatto con l’uomo.
Curiosità
specie conosciuta fin dall’antichità, il nome risale a Teofrasto ( III e II secolo avanti Cristo ). Plinio il Vecchio  ci tramanda che Teseo prima di inoltrarsi nel labirinto per uccidere il Minotauro si nutrì con un bel piatto di crespino comune.
Proprietà terapeutiche
Il Sonchus asper contiene sali minerali come ferro, calcio e fosforo, contiene inoltre anche vitamine e fibre. Le proprietà di questa pianta sono depurative, epatoprotettrici, diuretiche, remineralizzanti.
Uso in cucina
In primavera ad un occhio cittadino i prati appaiono come un mare verde indifferenziato, un mare d’erba. Ad un occhio capace di riconoscere quasi ogni singola pianta erbacea il panorama appare ricchissimo e variegato. In mezzo alle altre piante la Crespigna si riconosce per il suo colore verde smeraldo e per l’inconfondibile forma delle sue foglie che, bagnate di rugiada, sono uno spettacolo. Le donne di paese nemmeno lo conoscono o lo confondono con le altre piante commestibili chiamandolo genericamente “cicoria” ma, Cicoria non è. La cicoria vera, nelle sue diverse varietà è amara. Il Crespigno, nelle sue diverse varietà, è dolce. Pianta  che si trova in qualsiasi mese dell’anno, ma il momento migliore per raccolta è quello primaverile, quando i tessuti sono tenerissimi e succosi e raggiungono il massimo sapore. L’insalata di crespigno, sola o mista con altre erbe spontanee, è una delle migliori in assoluto, piacevolissima al palato. Ottima anche lessata, condita con olio e limone semplicemente o saltata in padella con olio, aglio o scalogno, quale contorno per carni. Si consiglia inoltre di impiegarla mista con altre erbe per fare ripieni per tortini, nelle frittate, minestroni di verdure e zuppe varie.

N.B. Le proprietà terapeutiche sono inserite a scopo puramente indicativo, per ogni uso specifico consultare obbligatoriamente un dottore.

CRESPIGNO SPINOSO – SONCHUS ASPER        

crespigno comune SONCHU OLERACEUM 2